Make your own free website on Tripod.com

Luglio 2000
Biografia Autore


Robert Owen, industriale e riformatore sociale britannico.
Nato a Newtown, Montgomeryshire, nel 1771 e morto sempre a Newtown nel 1858.
Di famiglia povera, fin dalla tenera età fu costretto a guadagnarsi da vivere lavorando come operaio in un cotonificio. A vent'anni era già direttore d'una filanda a Manchester e a ventinove comproprietario e amministratore di un grande opificio tessile a New Lanark, in Scozia. Qui, tra il 1800 e il 1819, tentò di realizzare un primo esperimento sociale, volto a migliorare le condizioni di vita e di lavoro degli operai dell'azienda e delle loro famiglie. Il successo dell'iniziativa lo indusse a formulare un progetto a più vasto respiro (Una nuova concezione della società, 1812) e a interessare alla sua causa uomini di governo britannici ed europei. Nello stesso periodo andò maturando un piano di trasformazione della società su basi comunistiche, che contemplava la costituzione di piccole comunità agrarie, di 1.200 individui al massimo, confederate tra loro e autogestite, i cui membri avrebbero partecipato secondo le capacità e il bisogno al lavoro collettivo e alla ripartizione del prodotto sociale. Per propagandare tale disegno, Owen acquistò nel 1819 dei terreni negli Stati Uniti (Indiana), fondandovi la colonia socialista di New Harmony. L'esperimento ebbe vita effimera e Owen, tornato in patria, dove nel frattempo le sue idee avevano acquistato seguito tra gli operai, si pose alla testa di un grande movimento sociale tendente a raggiungere l'emancipazione dei lavoratori attraverso la riorganizzazione dell'industria su basi cooperative e l'introduzione negli scambi di una sorta di unità monetaria (labour-note) basata sull'ora lavorativa. A tale scopo costituì una banca del lavoro, la National Equitable Labour Exchange (1832), che però fallì di lì a poco (1834). Ma certamente il più gran merito di Owen fu l'impulso dato al nascente movimento sindacale con la creazione della Grand National Consolidated Trades Union (1833), che, pur disgregandosi a poco meno di un anno dalla fondazione, rappresentò il primo tentativo di unificazione su scala nazionale dei sindacati britannici. Socialista, ma non rivoluzionario, Owen rigettò l'azione politica dei cartisti preferendo al "cartismo della forza fisica" il "cartismo della forza morale" (Il libro del mondo morale, 1836- 1844). Benché negli ultimi anni di vita si fosse lasciato quasi completamente assorbire da ricerche spiritiche e avesse perso ogni influenza sui suoi antichi seguaci, parte del suo insegnamento rimase profondamente radicata nel movimento operaio britannico.



© Copyright 2000-2005 by Mike100

Data ultima modifica venerdì 23 marzo 2001 19.44.58