Make your own free website on Tripod.com

Febbraio 1999
Biografia Autore


François VI De La Rochefoucauld, scrittore e moralista francese.
Nato a Parigi nel 1613 e morto, sempre a Parigi, nel 1680.
Ebbe un'educazione piuttosto superficiale, com'era costume in quel tempo per i giovani destinati alla carriera delle armi. Venne sposato, non ancora quindicenne, ad Andrée de Vivonne, la quale gli dette otto figli, e assai presto fece il suo ingresso a corte, immischiandosi nei numerosi intrighi architettati contro il cardinale Richelieu, in seguito ai quali fu rinchiuso per breve tempo nella Bastiglia ed esiliato per due anni nella sua terra di Verteuil. Ritornato a corte nel 1642, fu ostile a Mazarino come lo era stato a Richelieu e si impegnò attivamente sia nella Fronda parlamentare sia nella Fronda dei principi, nel corso della quale ebbe anche la carica di luogotenente generale dell'esercito ribelle. Nel combattimento della porta Saint-Antoine fu gravemente ferito (1652). L'anno seguente tuttavia si riavvicinò al re, abbandonando all'improvviso ogni ambizione politica e convertendosi alla vita di corte. Ottenne così una pensione regia e l'ordine dello Spirito Santo nel 1662. Divenne un frequentatore assiduo dei grandi salotti, soprattutto di quello di Madame de Sablé e, a partire dal 1665, di quello di Madame de La Fayette. Nel 1662 pubblicò la sua prima opera, le Memorie narranti i maneggi per il potere alla morte di Luigi XIII, ma la sua fama letteraria ebbe inizio col 1664, l'anno in cui fece stampare all'Aia le sue Riflessioni, o Sentenze e Massime morali, delle quali uscì un'edizione parigina l'anno seguente (1665), seguita da altre nel 1666, 1671 e 1678. Gli ultimi dieci anni della sua vita furono rattristati da numerosi lutti familiari e da una dolorosa malattia, che egli sopportò stoicamente, grazie anche al conforto della fedele amicizia di Madame de La Fayette, che a sua volta egli aiutò con preziosi consigli nella stesura di Zaïde(1669-1671) e della Principessa di Clèves (1678).
La Rochefoucauld fu un rappresentante tipico dell'aristocrazia francese del XVII sec., divisa fra l'intrigo politico e la vita di salotto, e segnatamente di quella parte di essa che, resistendo con irriducibile ostilità alle tendenze accentratrici della monarchia, si batteva per un'impossibile restaurazione delle "libertà" feudali. Tuttavia seppe elevarsi al di sopra dei suoi limiti storici e di classe con una conoscenza meditata dei costumi e della vita morale del suo tempo, con un'indagine strenua delle "pieghe del cuore" e con il magistero dello stile, che gli consentì di esprimere con esemplare nettezza e concisione il risultato delle sue esplorazioni psicologiche.



© Copyright 1999-2005 by Mike100

Data ultima modifica venerdì 23 marzo 2001 19.49.25